Ciclismo, Mondiali 2022: ancora Norvegia sugli scudi, Søren Wærenskjold si prende la cronometro U23. Top10 per Lorenzo Milesi

Ancora Norvegia a Wollongong. Dopo il successo tra gli Elite di Tobias Foss, anche la cronometro U23 viene conquistata da un rappresentate del paese nordico. Il nuovo Campione di categoria è Søren Wærenskjold, 22enne che difende i colori del Team Uno-X.

Il primo a far segnare un tempo importante è il britannico Leo Hayter, vincitore dell’ultima edizione del Giro U23. Il suo 34:37.56 gli permette di rimanere sulla “hot seat” per molto tempo, resistendo ad uno sfortunato ma comunque sottotono Mick Van Dijke (18° a 1’54” dal vincitore) ed al tedesco Michel Hessmann (quinto a 39” dal vincitore).

A migliorare la prestazione del giovane britannico ci pensa un altro dei grandi favoriti della vigilia, il norvegese Søren Wærenskjold che abbassa il miglior tempo di 24”. Da quel momento nessuno riuscirà a schiodarlo dalla prima posizione, nè il neozelandese Logan Currie, quarto al traguardo, ne il belga Alec Segaert, che dovrà accontentarsi del secondo posto a 17″ dal vincitore. Il podio viene chiuso da Leo Hayter.

Calendario Mondiali ciclismo 2022: orari 20 settembre, programma, tv, streaming, italiani in gara

Lontani dai primi i due azzurri, entrambi autori di una prestazione in linea con le loro attuali potenzialità. Lorenzo Milesi chiude in 10a piazza, con un tempo di 35:17.93. Più indietro Davide Piganzoli che deve accontentarsi della posizione numero 16, facendo segnare un tempo superiore di 40″ rispetto al compagno.

Foto: Eurosport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Basket, Europei 2022: l’Italia ha mancato una grande occasione, ma ora c’è un Mondiale da conquistare e preparare

Ranking ATP (19 settembre 2022): del tutto invariata la top ten, Fognini sale di un posto