Ciclismo, Mondiali 2022: Federica Venturelli a caccia di una medaglia nella cronometro junior. Zoe Bäckstedt la donna da battere

Dopo le emozioni delle prove elite e di quella riservata agli U23, nel terzo giorno dei Mondiali di Wollongong 2022 saranno di scena le Donne Junior, alle prese con la prova a cronometro. Dopo due edizioni in cui il titolo è andato ad un’atleta russa, vedremo necessariamente un cambio della guardia.

Saranno 37 le giovani atlete che si sfideranno sul tracciato australiano. Il percorso della prova iridata sarà composto da un’unica tornata del circuito di 14,1 km che è stato palcoscenico già della prova U23. Un percorso senza grandi difficoltà altimetriche ma ricco di saliscendi che rendono difficile mantenere un ritmo costante. Il punto più duro è lo strappetto di 700 metri di Dumfries Avenue, in cima al quale sarà posti l’intermedio.

Nella solita grande difficoltà nel fare un pronostico tra atlete giovanissime e che affrontano piuttosto raramente prove contro il tempo, spicca un nome con maggiori credenziali rispetto alle avversarie: Zoe Bäckstedt. Nell’edizione 2021 la britannica si è laureata Campionessa in linea, prendendo un argento a cronometro. La sua stagione è stata già costellata di grandi successi, compreso i due nelle uniche crono individuali affrontate.

Medagliere Mondiali ciclismo 2022: risultati e podi. La Norvegia vola in testa, Italia terza con l’oro di Vittoria Guazzini

Nelle due affermazioni, Bäckstedt è sta già in grado di battere piuttosto nettamente diverse delle sue avversarie odierne, a partire dalla connazionale Izzy Sharp. Tra le altre candidate al successo ci sarà anche la Campionessa Europea di categoria, la tedesca Justyna Czapla. Da tenere d’occhio anche le altre medagliate di Sangalhos: la francese Eglantine Rayer e la belga Febe Jooris, insieme alla sua connazionale Xaydee Van Sinaey.

Le carte schierate dalla formazione azzurra saranno Alice Toniolli e Federica Venturelli. Quest’ultima, che ai sopracitati Europei mancò la medaglia per una questione di centesimi di secondo. La polivalente e talentuosissima azzurra è reduce dal recente oro mondiale in pista nell’inseguimento, in cui ha mostrato di avere grandissima gamba e di poter far sognare.

Foto: Federciclismo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Volley, Europei U20: gli azzurri si fanno rimontare dalla Francia e cedono al tie-break

Ciclismo, Mondiali 2022, Lorenzo Milesi: “L’obiettivo era il podio, non so cosa sia successo”; Davide Piganzoli: “Nessuna recriminazione”