Superbike, risultati e classifica FP2 GP Francia 2022: Jonathan Rea fa il vuoto sul bagnato, 2° Bassani, lontano Razgatlioglu

Jonathan Rea (Kawasaki) ha chiuso al comando la seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Francia, settimo appuntamento del Mondiale Superbike 2022. Sul tracciato di Magny-Cours la pioggia la fa da padrone, proponendo condizioni non semplici ai protagonisti della categoria dedicata alle moto derivate di serie, con i big che hanno preferito non correre troppi rischi e scendere in pista solamente nel finale, quando la pista ha iniziato ad asciugarsi.

Da questo scenario è emerso, nettamente, il nord-irlandese, che ha completato il suo turno con il tempo di 1:49.379, precedendo un ottimo Axel Bassani (Ducati) in 1:50.407 a 1.028 e il britannico Alex Lowes (Kawasaki) a 1.639. Quarta posizione a 1.739 per lo spagnolo Alvaro Bautista (Ducati) autore anche di una caduta nel finale in curva 15 , mentre è quinto Michael Ruben Rinaldi (Ducati) a 2.014.

Sesta posizione per lo statunitense Garrett Gerloff (Yamaha) a 2.376, settima per Scott Redding (BMW) a 2.877, ottava per il giapponese Kohta Nozane (Yamaha) a 3.044, quindi nono l’olandese Michael van der Mark (BMW) a 3.108 davanti al campione in carica Toprak Razgatlioglu (Yamaha) a 3.159. Chiude in 11a posizione Andrea Locatelli (Yamaha) a 3.173, quindi 22° Roberto Tamburini (Yamaha) a 6.025.

A questo punto la SBK si prepara in vista della giornata di domani che, come consuetudine, dopo la FP3 del mattino, proporrà la superpole alle ore 11.10, quindi si inizierà a fare sul serio con Gara-1, prevista alle ore 14.00.

CLASSIFICA TEMPI FP2 GP FRANCIA 2022 – SUPERBIKE

1 65 REA Jonathan Kawasaki ZX-10RR 1’49.379 9 PIT IN 258 278 1’49.379
2 47 BASSANI Axel Ducati Panigale V4R 1’50.407 +1.028 15 +0.386 +0.991 +0.896 1’50.407 252 268 1’50.407
3 22 LOWES Alex Kawasaki ZX-10RR 1’51.018 +1.639 5 +0.589 +1.005 +1.226 1’51.018 262 277 1’51.018
4 19 BAUTISTA Alvaro Ducati Panigale V4R 1’51.118 +1.739 12 +0.372 +0.938 +1.398 1’51.118 260 269 1’51.118
5 21 RINALDI Michael Ruben Ducati Panigale V4R 1’51.393 +2.014 16 +0.532 +1.392 +1.702 1’51.393 250 250 1’51.393
6 31 GERLOFF Garrett Yamaha YZF R1 1’51.755 +2.376 9 +0.988 +1.810 +2.282 1’51.755 252 263 1’51.755
7 45 REDDING Scott BMW M1000RR 1’52.206 +2.827 17 +0.962 +1.840 +2.524 1’52.206 270 270 1’52.206
8 3 NOZANE Kohta Yamaha YZF R1 1’52.423 +3.044 15 +0.916 +1.689 +2.428 1’52.423 255 265 1’52.423
9 60 VAN DER MARK Michael BMW M1000RR 1’52.487 +3.108 18 +0.743 +1.743 +2.473 1’52.487 258 260 1’52.487
10 1 RAZGATLIOGLU Toprak Yamaha YZF R1 1’52.538 +3.159 12 PIT IN 226 260 1’52.538
11 55 LOCATELLI Andrea Yamaha YZF R1 1’52.552 +3.173 13 +0.879 +1.610 +2.255 1’52.552 255 255 1’52.552
12 44 MAHIAS Lucas Kawasaki ZX-10RR 1’52.587 +3.208 13 +1.177 +2.116 +2.668 1’52.617 259 260 1’52.587
13 7 LECUONA Iker Honda CBR1000 RR-R 1’52.789 +3.410 17 PIT IN 260 270 1’52.789
14 76 BAZ Loris BMW M1000RR 1’52.893 +3.514 14 +2.422 +3.848 +5.873 1’56.688 269 269 1’52.893
15 36 MERCADO Leandro Honda CBR1000 RR-R 1’53.070 +3.691 16 +1.223 +2.017 +2.847 1’53.070 258 264 1’53.070
16 97 VIERGE Xavi Honda CBR1000 RR-R 1’53.100 +3.721 16 +1.012 +2.235 +2.982 1’53.100 262 262 1’53.100
17 35 SYAHRIN Hafizh Honda CBR1000 RR-R 1’53.152 +3.773 15 +1.287 +2.222 +3.100 1’53.152 250 255 1’53.152
18 5 OETTL Philipp Ducati Panigale V4R 1’53.525 +4.146 17 +1.383 +2.464 +3.187 1’53.525 252 254 1’53.525
19 99 GUTIERREZ Oscar Kawasaki ZX-10RR 1’53.761 +4.382 15 +1.385 +2.342 +3.269 1’53.761 269 269 1’53.761
20 23 PONSSON Christophe Yamaha YZF R1 1’54.841 +5.462 16 +1.576 +3.209 +4.251 1’54.845 255 258 1’54.841
21 50 LAVERTY Eugene BMW M1000RR 1’55.025 +5.646 8 +1.562 +2.800 +4.640 1’55.278 250 250 1’55.025
22 2 TAMBURINI Roberto Yamaha YZF R1 1’55.404 +6.025 17 +2.051 +3.396 +4.968 1’55.404 244 249 1’55.404
23 52 KONIG Oliver Kawasaki ZX-10RR 1’55.865 +6.486 20 +2.589 +4.351 +5.865 1’56.945 254 257 1’55.865
24 29 BERNARDI Luca Ducati Panigale V4R 1’58.731 +9.352 11 +1.998 +4.480 +6.233 2’06.861 217 239 1’58.731

Foto: LPS Otto Moretti

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Tiro a segno, Europei 2022: Michele Palella vince l’argento nella gara juniores di pistola automatica

Volley, Simone Giannelli: “Abbiamo battuto la Slovenia, ma non partiamo da 1-0. Serve leggerezza”